Vaccini, il momento degli outsider

OutsiderQuesta non la sapevate.
Insieme alla campagna vaccinale antinfluenzale, i medici di base sono impegnati in una curiosa campagna di vaccinazioni contro lo pneumococco e contro l’herpes zoster, cioè il virus che causa il fuoco di sant’Antonio.
Si tratta di due condizioni che rimangono un po’ fuori dal classico circuito dei vaccini; non fanno parte dei gran numero di vaccini che si fanno ai ragazzini durante la crescita, assomigliano di più al vaccino antinfluenzale,  particolarmente indicato per le persone avanti negli anni, che se si ammalano rischiano di sviluppare conseguenze peggiori. Così è in effetti anche per questi due outsider.

Vaccinazione anti pneumococco

Pneumococco

Il vaccino anti-pneumococcico serve per evitare le polmoniti ed è piuttosto efficace, perché protegge circa il 70-75% dei soggetti sani. Non mette al riparo da tutti i tipi di polmonite, ma da quelle causate (appunto) dallo pneumococco, un batterio a cui piacciono particolarmente i polmoni e che determina la più classica delle polmoniti (e se non curata, anche una delle più gravi).

Herpesvirus-tegning-NDLA-824x549

Virus Varicella-Zster

Il vaccino anti-herpes zoster previene, ma non cura, il Fuoco di Sant’Antonio. L’efficacia protettiva non è altissima (tra il 50 e il 70% a seconda degli studi), ma sembra documentata una sensibile riduzione (10-15%) dell’incidenza della temibile nevralgia post-erpetica, cioè di quei fastidiosissimi dolori che possono durare molti mesi e addirittura anni e che seguono la malattia vera e propria.
Entrambi i vaccini possono essere somministrati dai medici di base a tutti i soggetti sani che compiono quest’anno i 65 anni di età, cioè i nati nel 1953. Notate che i soggetti affetti da alcune condizioni di rischio (diabete, immunodeficienze, asportazione della milza e molte altre) non possono essere vaccinati dai medici di base ma devono recarsi al Servizio Vaccinale della ASL (nell’immagine orari e sedi dei servizi vaccinali del nostro territorio).
CENTRI VACCINALI TO3Il vaccino antipneumococcico va fatto con un certo tipo (PREVENAR, che protegge da 13 tipi di penumococco) e poi integrato l’anno dopo con un altro tipo (PNEUMOVAX, che protegge da 23 tipi di pneumococco), ma secondo le indicazioni ministeriali non va ripetuto, un ciclo di due dosi basta per tutta la vita (anche se alcuni suggeriscono un richiamo ogni 5 anni).
Anche il vaccino anti-herpes (che si chiama ZOSTAVAX) può essere fatto una volta sola nella vita, un po’ come fare la varicella ed esserne immunizzati, ma non può essere fatto insieme allo PNEUMOVAX.
Sia la vaccinazione anti-pneumococco che quella anti-herpes possono essere fatte insieme alla vaccinazione antinfluenzale, ma non sono “stagionali”, si possono fare in qualsiasi periodo dell’anno.
A noi medici di medicina generale, verrano fornite ben 5 (cinque) dosi di vaccino anti-pneumococco e anti-herpes. Potremo poi eventualmente richiederne altre, se serviranno. Al momento in cui scrivo, lunedì 12 novembre, non ci sono ancora state consegnate e restiamo in attesa.
Chi tra di noi colleghi ha già fatto la prova, pare abbia avuto serie difficoltà a somministrare anche solo le prime cinque dosi. Diffidenza? Poco interesse? Poca informazione? Non saprei, ma, in pratica, aspetto tutti i nuovi 65enni per vaccinarli contro lo pneumococco e contro l’Herpes Zoster: chi si fa avanti?

Newsletter, perché no?

Vignetta 2Ho deciso di provare a raggiungervi anche mandandovi una bella letterina. Come quelle di una volta? Non proprio: una mail.
Ho creato una lista di indirizzi mail, presi tra i miei contatti personali e professionali (sono circa 150): una schiera di eletti destinati a ricevere la prima newsletter. Prima di una serie che vorrei inviarvi, a cadenza assolutamente aleatoria, man mano che pubblico qualcosa sul sito.
Insomma, oltre che FaceBook e Twitter, un po’ di buona vecchia e-mail, per quelli che si sentono un po’ meno social e preferiscono leggere con calma la posta.
La prima Newsletter è già stata spedita e i destinatari dovrebbero riceverla a breve.
Chi non è tra gli eletti ma proprio non sopporta di essere fuori dal giro, può iscriversi alla newsletter dello Studio Medico Pejrolo dalla pagina CONTATTI del sito studiomedicopejrolo.com.
Cosa ne pensate? Dite la vostra nei commenti o rispondete alla newsletter.
E naturalmente leggete gli articoli, se vi va.

Antinfluenzale quando e come: 12 domande

Schermata 2018-11-03 alle 15.09.38Qual è il periodo migliore per fare il vaccino contro l’influenza?
Normalmente da metà ottobre a fine dicembre.

Quando iniziano le vaccinazioni gratuite fornite dalla ASL?
La campagna per la vaccinazione antinfluenzale della nostra ASL (Torino 3) inizia il 12 novembre, lunedì.
Da quella data i medici di base potranno ritirare i vaccini nelle farmacie e iniziare a somministrarli.

Quando devo venire in studio per fare il vaccino?
Personalmente non ho destinato orari o giorni specifici alle vaccinazioni, lo trovo complicato per i pazienti e gravoso per me.
Vaccinerò chi ne ha diritto durante il normale orario di ambulatorio.

Chi ha diritto al vaccino gratuito?
Principalmente chi ha più di 65 anni.
Oppure chi ha meno di 65 anni ma soffre di qualche malattia che potrebbe rendere particolarmente pericolosa l’influenza, come gravi malattie croniche cardiache, respiratorie, renali, diabete, tumori, malattie che deprimono il sistema immunitario come l’HIV.
Inoltre le persone che possono trasmettere l’infezione a soggetti ad alto rischio (per esempio il personale sanitario) o soggetti addetti a servizi pubblici “di primario interesse collettivo” (per esempio le forze dell’ordine).
Anche le donne in gravidanza che siano al 2° o 3° mese all’inizio dell’epidemia di influenza possono vaccinarsi gratuitamente.

Se non ho più di 65 anni e non ho nessuna malattia ma voglio ugualmente vaccinarmi?
Chi non rientra i queste categorie ma vuole ugualmente vaccinarsi (cosa buona e giusta) può comprare il vaccino in farmacia, senza ricetta, e venire in ambulatorio per farselo fare.

Come si fa il vaccino?
Una sola puntura, nel muscolo della spalla. Nei bambini si può fare nella coscia.
Solo nei bambini più piccoli, dai 6 mesi ai 9 anni di età, mai vaccinati in precedenza, bisogna fare due dosi, a distanza di almeno un mese.

Quali reazioni devo aspettarmi?
Se devo basarmi sulla mia esperienza, direi nessuna. Nel senso che mai nessuna delle persone che ho vaccinato è tornata a riferirmi di qualche reazione significativa.
In realtà diciamo che un po’ di dolore nel sito di iniezione, a volte gonfiore, un po’ di mal di testa, a volte dolori muscolari, possono creare un po’ di fastidio nei primissimi giorni.

In quali casi NON posso vaccinarmi?
Le controindicazioni alla vaccinazione, cioè i casi in cui proprio non si può fare, sono molto poche:
– Lattanti sotto i sei mesi di età;
– Gravi reazioni allergiche a precedenti dosi di vaccino (shock anafilattico)
– Malattie acute in atto (parlatene con il medico).

Se allatto posso vaccinarmi?
Sì. E naturalmente anche in gravidanza ci si può vaccinare.
Inoltre, non sono controindicazioni alla vaccinazione:
– allergia alle proteine dell’uovo (se non ha dato anafilassi)
– malattie acute lievi (un raffreddore)
– carenza del sistema immunitario di varia origine (HIV, per esempio).

Sono curioso: come è composto il vaccino quest’anno?
Il vaccino è tetravalente, cioè protegge da 4 ceppi virali diversi.
Se proprio la curiosità vi divora, sappiate che l’OMS ha dato indicazioni perché la composizione del vaccino per l’emisfero settentrionale nella stagione 2018/2019 sia la seguente:
– antigene analogo al ceppo A/Michigan/45/2015 (H1N1) pdm09
– antigene analogo al ceppo A/Singapore/INFIMH-16-0019 (H3N2)
– antigene analogo al ceppo B/Colorado/06/2017 (lineaggio B/Victoria)
– antigene analogo al ceppo B/Phuket/3073/2013-like (lineaggio B/Yamagata).
E se poi volete fare i saputelli con gli amici in birreria, imparate a memoria quanto segue:
Il vaccino per la stagione 2018/2019 conterrà, una nuova variante antigenica di sottotipo H3N2 (A/Singapore/INFIMH-16-0019/2016), che sostituisce il ceppo A/Hong Kong/4801/2014, e una nuova variante antigenica di tipo B (B/Colorado/06/2017), lineaggio B/Victoria, che sostituirà il ceppo B/Brisbane/06/2008“.

Come si chiama il vaccino e chi lo produce?
Il vaccino messo a disposizione della ASL in Piemonte è il VAXIGRIP TETRA, composto da virus frammentati (cioè da frammenti del virus intero, si chiama vaccino di tipo “split”), inattivati.
È prodotto dalla Sanofi Pasteur, divisione vaccini di Sanofi..
Il termine “inattivato” si riferisce al fatto che i virus sono trattati in modo da impedire la loro replicazione. Sono più sicuri dei vaccini “attenuati” perché non hanno più la capacità di replicarsi e di ritornare alla forma nativa, capace di causare la malattia.

Se voglio comprarmelo, in farmacia mi propongono diversi tipi di vaccino, quale scegliere?
Difficile rispondere. Sono tentato di dirvi che dal punto di vista pratico è più o meno lo stesso.
Però dovete sapere che i vaccini non sono proprio tutti uguali.
In particolare, esistono i vaccini “adiuvati”, ai quali si aggiungono delle sostanze “adiuvanti” (di solito squalene) che rendono il vaccino teoricamente più immunizzante, in grado di dare una risposta più forte. Il più comune vaccino adiuvato, che trovate quasi di sicuro in farmacia, è il FLUAD. Genericamente i vaccini adiuvati sono consigliati per stimolare una risposta un po’ più efficace in persone anziane, che hanno un sistema immunitario più difficile da attivare. Possono però determinare qualche “fastidio” in più nella sede di inoculazione, proprio perché più “attivi” (si tratta sempre di reazioni non gravi).
Da notare che il FLUAD è un vaccino trivalente e non tetravalente (protegge da 3 ceppi di vaccino invece che 4). Mi risulta che costi un po’ meno del VAXIGRIP TETRA.

E per finire, non privatevi di due risate con questo: la parola definitiva sui vaccini.

Curare l’influenza: quattro cose che non sapete.

Schermata 2018-10-11 alle 16.07.11Mentre vi annuncio che i raffreddori, le tossi, i vomiti che ci minacciano in questo primo autunno NON hanno niente a che vedere con l’influenza, prendo lo spunto da una breve nota sui farmaci anti-influenzali per parlarvi di uno dei tanti casi di “titolismo” un po’ facilone.
Sapete certamente che esistono farmaci anti-virali per curare l’influenza. Ma và?! Certo.
Non si usano quasi mai (capirete presto perché) ma esistono.
Titolo: “BALOXAVIR riduce sintomi e diffusione virale“.
Ohibò! Presto, datemi del Baluxavir, che ho l’influenza!
Primo, il farmaco non è in commercio, si è “dimostrato promettente” ma non è in farmacia (ancora?).
Secondo, il farmaco riduce significativamente la durata dei sintomi, ma nella realtà non è più efficace del farmaco già in commercio, che si chiama OSELTAMIVIR, (nome commerciale: TAMIFLU).
Terzo, la comparsa di virus mutanti, resistenti al farmaco “risulta preoccupante”.
E per finire, “i benefici in termini sintomatologici dei farmaci antivirali possono incontrare un livello massimo nell’influenza autolimitante dell’adulto, probabilmente a causa del fatto che i livelli di replicazione virale sono in diminuzione già al momento della presentazione e che la patogenesi della malattia è legata alle risposte proinfiammatorie dell’ospite. (N Engl J Med. 2018; 379: 913-23 e 975-7)“.
Traduzione: il farmaco è una figata, ma solo perché quando lo si usa i virus se ne stanno già andando, e comunque la malattia guarisce da sola e l’andamento dell’influenza dipende dalle risposte infiammatorie del malato.
Se quanto detto non vi bastasse per farvi una ragione del fatto che i farmaci per curare l’influenza (al momento l’unico disponibile è il TAMIFLU, papà del Baloxavir) non si prescrivono praticamente mai, tenete conto che:
– il trattamento deve iniziare entro due giorni dalla comparsa dei sintomi (normalmente, prima di andare dal medico, qualunque adulto pensante aspetta almeno un paio di giorni per vedere se se la cava da solo);
– grosso modo ci si attende che il beneficio sia di abbreviare di un paio di giorni una malattia che di solito ne dura 7;
– il farmaco, alla dose consigliata per un adulto, costa 40€ per 5 giorni di terapia a due compresse al giorno, ed è prescrivibile solo in classe C (cioè non è “mutuabile”).
Conclusione: meglio vaccinarsi.
—-
P.S. al momento i Medici di Base non hanno ancora ricevuto nessuna indicazione sulla campagna vaccinale anti-influenzale. Di solito inizia ai primi di novembre, ma rimaniamo in attesa di qualche indicazione dalla ASL.
Copritevi!

Ricette per la privacy

Schermata 2018-10-04 alle 22.40.55Ormai lo constato ogni giorno. Poco meno di un terzo del mio lavoro passa da internet. E non mi riferisco al lavoro di consultazione, studio, aggiornamento. Parlo proprio del lavoro con i pazienti, che (lo ammetto, non scoraggiati da me) usano le mail, WhatsApp, gli SMS ormai per ogni cosa.
Probabilmente non manca molto a che mi inviino un audio su WhatsApp con il loro battito cardiaco o con i brontolii della pancia, perché già ora le foto della pelle, le immagini radiografiche, i risultati degli esami del sangue, piovono continuamente dal cielo telematico, a qualsiasi ora.

La scelta di inviare dati sensibili per via telematica è soggettiva e facendolo si deve sapere che il metodo non è “sicuro” in senso stretto perché il flusso di elettroni (o quel che è) può venire intercettato. Non è facile, non è probabile, non è comune, ma potrebbe accadere, mentre nessuno può intercettare il foglio con l’istologico della biopsia alla tiroide che passa direttamente dalla mano del paziente alla mia. È pur vero che anche una lettera scritta a mano e inviata per posta tradizionale non è affatto “sicura”, perché chiunque potrebbe aprirla e leggerla in un attimo, in mille posti diversi, ma l’uso che potrebbe farne un anonimo lettore è ben diverso dall’uso che (per esempio) si potrebbe fare di migliaia di dati aggregati da parte di qualche grande mangia-dati industriale.
Ma questo è un altro, lungo, discorso.

Tornando a noi, nulla vieta a chiunque di mettere online nei modi più disparati i propri dati sanitari, con l’intenzione di trasmetterli al proprio medico.
E nulla vieta al medico di ricevere queste informazioni, prenderne visione, annotarsele e farne l’uso migliore per la salute del paziente.
Se siamo tutti consapevoli di questo, e scegliamo liberamente di fare uso delle nuove tecnologie, va tutto bene.

Ma ci sono limiti normativi precisi per quanto riguarda la tutela della sicurezza della gente, soprattutto da quando è in vigore la nuova normativa europea sulla privacy 2016/679, il GDPR (General Data Protection Regulation), applicato ufficialmente a partire dal 25 maggio 2018, che ha sostituito la Direttiva CE sulla protezione dei dati (EC/95/46).
Niente paura, non ho nessuna intenzione di entrare nel merito.
Cito la normativa solo per dire che i limiti sono più stretti.

Se il flusso di informazioni dal privato (il paziente) al medico è perfettamente legittimo, dato che i dati sulla sua salute appartengono strettamente al paziente il quale ne fa quello che vuole, il contrario non è però altrettanto vero.
I dati in possesso del medico non appartengono al medico, continuano ad appartenere al paziente, che li impresta al medico perché possa curarlo. Il medico, più o meno implicitamente (e quanto poco “implicitamente” oggi è oggetto di lunghe discussioni e della stessa normativa), è autorizzato a passare gli stessi dati ad altri medici, al Sistema Sanitario, alla segretaria dello studio, agli infermieri perché senza questo passaggio tutto il sistema si blocca.
Però il medico è tenuto a custodire con la massima cura i dati che gli vengono concessi in prestito. A parte i frustranti sistemi di password a scadenza, PIN code, ID, autenticazioni varie cui è soggetto il medico quando annota, conserva, trasmette, certifica qualunque cosa che vi riguarda, è evidente che spedire con una mail (magari a un indirizzo dell’ufficio dove lavora il paziente…) o allegare a un WhatsApp qualsiasi una ricetta, un’impegnativa, un certificato, sono comportamenti che fanno rizzare i capelli in testa al garante della privacy ed espongono il medico a sanzioni anche penali tutt’altro che irrilevanti.
Se nei primi tempi dell’Era della Privacy si navigava a vista e ci si poteva permettere qualche libertà, oggi le regole sono chiare e decisamente restrittive (qualcuno direbbe deliranti, ma tant’è: dura lex, sed lex!).

Tuttavia il sistema di comunicare “cose” per via telematica, è utile, sbrigativo, comodo e veloce. Tanto che le stesse ricette mediche oggi sono dematerializzate, cioè viaggiano istantaneamente, appena redatte, dalla scrivania del medico al MEF, alle ASL, alle Farmacie. Possono farlo proprio perché è in vigore quel complesso (qualcuno direbbe delirante…) sistema di password e autorizzazioni che mantengono blindate le informazioni che riguardano la vostra salute.

Sulla ricetta dematerializzata (e su quanto le informazioni siano realmente blindate) ricordatemi di riprendere il discorso.

Ora, questa lunga premessa ci porta però all’argomento del post.
Se è chiaro a questo punto che io non posso buttare a caso nella rete informatica alcunché che vi riguardi (no ricette, no impegnative, no certificati), posso però farlo se attivo un sistema che protegga i vostri dati, che cioè garantisca che i vostri dati viaggiano esclusivamente da me a voi, non sono accessibili a nessun altro e stanno in un posto sicuro.

Oggi questo è possibile, perché esistono dei plug-in (delle “appendici”) che lo consentono aggiungendo questa funzione ai programmi che i medici usano per gestire le vostre cartelle cliniche. Una comunicazione sicura tra medico e paziente e uno spazio sicuro per depositare virtualmente i documenti che vi riguardano o che vi servono: ricette, impegnative, ecc. A questo spazio potete accedere solo voi, tramite le vostre credenziali.
Con questi sistemi, il medico non è più ai confini dell’illecito, ma è autorizzato a mandarvi quello che gli richiedete (sostanzialmente ricette, ricette, ricette…).

Ecco perché a molti di voi ho già mandato un messaggio simile:
“Ciao! Dunque: con le nuove regole privacy, spedire ricette con la mail normale è (diciamo) molto sconsigliato. Quindi ho dovuto attivare un sistema che invece è perfettamente a norma, ma richiede all’inizio un piccolo sforzo da parte tua: in una mail che riceverai successivamente a questa, troverai un link a un sito al quale devi accedere e autenticarti con le credenziali che trovi nella mail stessa. Fatto questo, d’ora in poi troverai le ricette che mi chiederai sempre in quel sito e dallo stesso sito potrai anche richiedere le ricette. Spero sia chiaro…! Fammi sapere se sei riuscito nell’impresa”.

Finora ho attivato la procedura per 81 pazienti, e a parte qualche iniziale intoppo, praticamente tutti se la sono cavata egregiamente. E non sono ragazzini cresciuti a pane e internet, tutt’altro.

Dunque, riassumo? Ci provo, in tre punti.
1. Se volete mandarmi richieste di ricette o di impegnative, risultati di esami, immagini diagnostiche, fotografie, referti di visite specialistiche, potete farlo. Non è vietato. È roba vostra, se volete spedirla via internet è un vostro diritto.
2. Se invece volete usare il nuovo sistema di cui vi ho parlato (che per inciso si chiama My Healthbook o Salute Personale), siete ragionevolmente più al sicuro. Con quel sistema potete richiedere ricette, inviare documenti, scritti, e addirittura il vostro peso, la vostra pressione, eccetera. Senza fretta, richiedetemi le credenziali e ve le fornirò.
3. Io non posso mandarvi ricette o impegnative via mail o peggio WhatsApp. È illegale, non si fa. Posso mandarvele solo col sistema Salute Personale. Di nuovo, richiedetemi le credenziali e attiviamo il sistema.

È complicato? La prima volta sì, più complicato che aprire una mail e stampare un allegato. Poi non è molto diverso: leggere una mail che vi comunica che le ricette sono pronte sul sito, accedere al sito con le credenziali, scaricare e stampare le ricette.
Per il funzionamento del sistema My Healthbook nel dettaglio, vi rimando a un prossimo post, se mi renderò conto che ce ne sarà bisogno. Altrimenti, un piccolo aiuto a ciascuno al momento dell’attivazione non verrà negato.

Benvenuti nell’Era della Privacy: tutti più sicuri, tutti più terrorizzati di non esserlo mai abbastanza.

The doctor is “OUT”

IMG_1466 (2)

Da una imprecisata isola del mediterraneo (ma tanto la voce si è sparsa e ormai tutti sanno dove sono) una cartolina e un saluto. Sono in vacanza dal 23 giugno al 7 luglio. Certo che non ne avrete mai bisogno, vi lascio, così per conoscenza, il numero di telefono della Dr.ssa Laura Magnano, che mi sostituisce in questo periodo con gli stessi orari di ambulatorio: 339 4124857. Saludos!

«Il principio fondamentale della medicina, da molti secoli a questa parte, è che tutte le vite hanno lo stesso valore. Non sempre noi che ci occupiamo di medicina teniamo fede a questo principio. Lo sforzo per colmare il divario tra aspirazione e realtà ha occupato l’intero corso della storia. Ma quando questo divario viene messo in luce – quando si scopre che alcuni vengono curati peggio di altri, o non vengono curati affatto, perché non hanno i soldi o le conoscenze giuste, per la loto estrazione sociale, perché hanno le pelle scura o un cromosoma X in più – quanto meno ci vergogniamo. Al giorno d’oggi non è per niente facile sostenere che tutti siamo ugualmente degni di rispetto. Eppure non è necessario provare simpatia o fiducia nei confronti di una persona per credere che la sua vita meriti di essere difesa. Pensare che tutte le vite abbiano lo stesso valore significa riconoscere che esiste un nucleo comune di umanità. Se non si è aperti all’umanità delle persone è impossibile curarle in modo adeguato. Per vedere la loro umanità occorre mettersi nei loro panni. Richiede curiosità nei confronti degli altri e del mondo. Viviamo in un momento pericoloso, in cui ogni genere di curiosità – scientifica, giornalistica, artistica, culturale – è sotto attacco. Questo succede quando rabbia e paura diventano le emozioni prevalenti. Sotto la rabbia e la paura c’è spesso la fondata sensazione di essere ignorati e inascoltati, l’impressione diffusa che agli altri non importi come si sta nei nostri panni. E allora perché offrire la nostra curiosità a qualcun altro? Nel momento in cui perdiamo il desiderio di capire – di lasciarci sorprendere, di ascoltare e testimoniare – perdiamo la nostra umanità».

Da un discorso di Atul Gawande, chirurgo statunitense, agli studenti di medicina pubblicato sul New Yorker il 2 giugno 2018. Traduzione di Silvia Pareschi.
INTERNAZIONALE num. 1260 – 15/21 giugno 2018

Per tutta una serie di motivi, il tempo per dedicarmi al sito di recente è stato poco. Recupererò, ma questa riflessione, che ho letto oggi tra un impegno e l’altro, merita la condivisione. Ci vediamo al ritorno dalle ferie – niente di che, un paio di settimane. Siate umani.